mercoledì 24 maggio 2017

COSA CERCO IN UN TRAVEL BLOG/POST.


Definire il mio blog non è semplicissimo. Non lo è per me che ci scrivo, figuratevi per chi mi legge.
Lo immagino un contenitore di argomenti a me cari. Tra cui i libri, la moda, la scrittura, il mondo green e sì, forse quello più appassionante di tutti, i viaggi.
Ma prima di nominarmi travel blogger mi descriverei un’amante del viaggio e dello scrivere di viaggio.


Ma cosa fa di una passione per aeroporti, bagagli a mano, itinerari sgualciti..un travel blogger?
Ovviamente oggigiorno basta poco per definirsi tale.
Per me però non è così banale. Come invece banali sono molti post che leggo a riguardo.
Esistono sul web migliaia di travel blogger ma custodiamo noi la libertà di seguire e commentare solo chi troviamo interessante, originale, chi evita di fare copia e incolla di altri post, chi non è alla sola ricerca spasmodica di visualizzazioni e condivisioni, chi ci mette impegno e, soprattutto, cuore.
Ecco il cuore.
Organo che latita in molte descrizioni di viaggio.
O, forse, sono io che non lo avverto quando leggo.
O, il più delle volte, è andato perso inseguendo altri obiettivi come audience e collaborazioni.
Oggi vi dico cosa vorrei scovare personalmente quando leggo un post di viaggio.
Vorrei scovarci il sentimento che ha caratterizzato la scelta di una precisa destinazione.
Vorrei leggerci un ricordo sentito che anima un'emozione.
Vorrei trovarci dei consigli testati che mi facciano sentire meno sola nella stesura di un itinerario.
Vorrei condividere una sana euforia quando la località di cui si scrive è anche un mio personale ricordo di viaggio.
Sì, insomma, vorrei scovarci una buona dose di Cuore. E quando non c'è, credetemi, se ne sente la mancanza. Anche attraverso un monitor.
Troppo spesso leggo stesure fredde e asettiche di "travel tip". Un susseguirsi di orari, locali e hotel che poco ha a che vedere con quello che intendo io per racconto "sentito".
Ovviamente qualcuno troverà queste critiche riconducibili anche ai miei racconti di viaggio. Non mi offendo (..ok, un pochino forse sì, ma solo perché mi illudo di riuscire a far passare un'emozione che potrebbe al contrario non giungere fino a voi. Lo devo mettere in conto, ma spero che al contrario la maggior parte percepisca il mio entusiasmo!)

Voi cosa ne pensate a riguardo? I miei stessi interrogativi (e forse paure) vi sono mai passati per la mente?!

Fatemi sapere, sono veramente molto curiosa!

Alla prossima,
Alice


15 commenti:

  1. "Condividere una sana euforia quando la località di cui si scrive è anche un mio personale ricordo di viaggio" è uno dei punti su cui concordo assolutamente. Sarà per questo che mi piace leggere di posti che già conosco e per cui non avrei bisogno di informazioni particolari. Poi, tuttavia, ci sono sempre quelle informazioni preziose che tornano utili per la prossima meta di viaggio. Se c'è anche il cuore sicuramente mi viene voglia di partire.
    Per me ha contato molto il tuo post. E' utile a migliorare nei miei post. Lo apprezzo molto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Mi fa piacere! A volte temo di essere troppo diretta o troppo sincera e di venire male interpretata per questo. Noto con piacere che non è successo! Un abbraccio!! Alice

      Elimina
  2. sai non è facilissimo. Ovviamente il cuore ce lo mettiamo, mi sembra ovvio, ma sarebbe davvero una bugia dire che non si guarda l'audience, lo si fa per forza. e i lettori là fuori sono i più variegati, bisogna per forza diversificare il tipo di articoli e sperare che i contenuti siano interessanti e diano un valore aggiunto. Non è facile mettere insieme tutto questo, ma la passione, il cuore, se tieni un blog da tempo ce l'hai per forza, se no non duri.

    RispondiElimina
  3. Uhhhh... Ma quanto sono d'accordo? Sì, sì e poi sì: il C-U-O-R-E!! La smania delle visualizzazioni, purtroppo, non ha origini solo nel narcisismo ma anche nella voglia, anche legittima, di guadagnare dallo scrivere. Il problema è che seguo pochi blog, perché pochi mi "parlano". Non sono attizzata dalla gran parte dei cosiddetti travel blog, perché li trovo tutti uguali, da quelli con itinerari troppo scanditi e precisi a quelli in cui si parla di un luogo come se si fosse l'impersonificazione di Wikipedia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Roberta che dire?! Se condividi TUTTO non c'è bisogno di ulteriori parole. Trovo anche io molto difficile incontrare blogger che mi/ci "parlano". Pochi, rari ma da me ricercatissimi.
      Grazie!Alice

      Elimina
  4. Hai ragionissima. Anche io spesso mi trovo a leggere un mucchio di informazioni che sanno molto di seo e poco di emozione. Non mi piace. Allo stesso tempo però credo sia difficile essere sicuri di trasmettere qualcosa attraverso le righe di un post. Non esistono guide per farlo, e sai, questo credo che sia un bene. Non è una cosa che si può insegnare, se una cosa ti emoziona lo fa e basta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giusto Anna, se una cosa ti ha emozionato io credo arrivi. A differenza dei contenuti impacchettati o stereotipati! Non possiamo essere sicuri di quello che trasmettiamo ma possiamo essere sicuri dell'emozione che ci mettiamo!!
      Avanti così, Alice

      Elimina
  5. non so perché mi esce Phibi (ora ho modificato). Alle volte è difficile capire cosa cattura il cuore della gente. Per esempio io ho fatto dei posti carichi di emozioni (Repubblica Dominicana) e non se li fila nessuno, poi ho scritto cose più pratiche e stile lista e sono quelli che vanno di più... Forse delle emozioni non importa molto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Gipsy, ho capito cosa intendi, a volte non ti capaciti del seguito che può avere un post su cui tu stessa non avevi grandi aspettative. Ma credo che le emozioni e l'essere diretti paghino sempre. Anche da dietro un monitor! Io il tuo post della Repubblica Domenicana ora me lo vado a leggere :-)!!

      Elimina
    2. Grazie, poi fammi sapere cosa ne pensi!

      Elimina
  6. Ci rispecchiamo in quanto detto. Leggiamo un po' di tutto, ma solo alcune letture riescono veramente a trasmettere qualcosa. Certo non è facile, come per le altre cose della vita ciò che è speciale è anche raro..... talvolta non si trova cuore negli articoli causa trapianto Seo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Causa trapianto SEO", ecco ora capisco perché è così raro!! :-) :-) Top!

      Elimina
  7. Sono d'accordo con te, viva il CUORE :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. SEMPRE.. !!Ciaoo e grazie di essere passata :-)!! Alice

      Elimina